il caffe' vietnamita

ATTENZIONE: lettura ad alto contenuto di caffeina 

 

Una cosa da fare assolutamente in Vietnam: bere il caffè.

Da italiani siamo abituati a pensare che il caffè "quello buono" si trovi solo da noi, nel nostro bel Paese.
"E nel resto del mondo?"
"Acqua sporca più o meno lunga".

 

Non è così naturalmente.

 

Numerosi Paesi dedicano a questa magica miscela passione e attenzioni, studio e ricerca, facendo del caffè la bevanda nazionale, proprio come succede in Italia.

Il Vietnam è una di queste.

In ogni bar, più o meno elegante, al primo posto nell'elenco del menù troverete sempre scritto "cà phe". Se al cameriere, di solito giovanissimo, ordinate un "cà phe den" "caffè nero" dopo poco tempo al tavolo vi verrà servito un castello formato da due tazze. La tazza (in metallo) che sta sopra contiene al suo interno una dose di caffè, macinato grossolanamente, e una dose di acqua calda. Grazie ad un filtro posto nel mezzo dopo qualche minuto di attesa nella seconda tazza (di ceramica) avrete la vostra scura e bollente bevanda preferita.
Il gusto è intenso. Ricorda il cioccolato ma anche la liquirizia.
Esistono numerose varianti al semplice caffè nero:
con aggiunta di un cucchiaino di latte condensato "cà phe sua", con il ghiaccio "cà phe den dá" e con l'uovo "cà phe trung". Quest'ultima è una variazione tipica di Hanoi, in cui al caffè si combina l'uovo sbattuto. Buonissima.

 

Insomma se avete in programma un viaggio da queste parti e come noi non potete fare a meno di una dose giornaliera di caffeina, state tranquilli, "l'acqua sporca" dimenticatela:

il caffè è una garanzia.

vuoi contribuire al nostro viaggio?