Lasciando per un momento da parte le cronache di viaggio, oggi vogliamo parlare di qualcosa di molto più serio.

La nave Open Arms da più di una settimana è in mare con a bordo 121 persone, di cui 32 minori. Ora, si può discutere su tutto e avere delle diverse opinioni, ma per nessuna ragione al mondo si possono accettare discussioni o trattative quando in gioco c'è la vita di un essere umano.

Farli sbarcare nel primo porto sicuro è non solo un diritto per queste persone, ma un dovere per un qualsiasi governo democratico. L'Italia, l'Europa, devono garantire questo!

Il decreto sicurezza bis non è altro che una porcheria che viola spudoratamente la Costituzione italiana e i trattati internazionali, criminalizzando senza mezzi termini la solidarietà. La propaganda sovranista sta in tutti i modi cercando di distrarci dal proprio fallimento e dalle proprie bugie attaccando prima il disperato che scappa dal proprio paese in cerca di un futuro migliore e adesso anche chi come le ONG salva vite in mare.

Per noi MAI e poi MAI la solidarietà sarà reato!

MAI e poi MAI chi salva una vita potrà essere considerato un criminale.

Cogliamo l'appello di Roberto Saviano fotografandoci con la mano tesa contro questa bassa politica, per non arrenderci alla disumanità e all'odio, per rimanere umani senza se e senza ma.

Questo è il nostro pensiero, questi siamo noi e mai come in questo momento sentiamo il bisogno morale di schierarci, di stare dalla parte giusta della storia e non essere complici di questa schifezza. Un giorno non troppo lontano la nostra coscienza e i nostri figli ci presenteranno il conto e ci domanderanno come è potuto succedere.

E tu, da che parte stai?

vuoi contribuire al nostro viaggio?