pingyao

Situata a 700km da Pechino, nella provincia dello Shanxi, Pingyao è famosa per essere una delle città antiche meglio conservate di tutta la Cina. Le mura del XIV secolo che racchiudono il centro storico si sono conservate intatte sino ad oggi! Nonostante qualche pub in stile irlandese e gli immancabili spaghetti alla bolognese, passeggiare per le sue stradine è ancora un'esperienza affascinante, in particolare la sera, quando centinaia di lanterne rosse si illuminano creando un'atmosfera unica. Pagode e biciclette sembrano messe lì apposta per una Cina da cartolina.
Bellissimo.
Siamo venuti sino qui per vedere tutto questo, è vero.
Ma non solo.
Volevamo scoprire una Cina diversa da quella perfettina e super controllata della capitale, una Cina di provincia per intenderci.
Per trovare quello che stavamo cercando è bastato mettere il naso fuori dalle mura. Caos, mercati all'aperto, negozi di falsi, motorini ovunque. Sorrisi sinceri e sorpresi dei residenti, incuriositi dalla barba lunga (Matteo) e dalla nostra provenienza. Stamattina dovendo andare alla stazione per acquistare i biglietti del treno per Xian (prossima città) abbiamo pensato di noleggiare due biciclette (20Yuan-2.5euro per tutto il giorno). Ci siamo buttati nel traffico cittadino come due veri cinesi (o quasi) e abbiamo scoperto una città lontana anni luce dal suo centro storico. Una città fatta di decine di palazzi in costruzione, viva, in espansione, come solo le città di provincia cinesi in questo preciso periodo storico sanno essere. Abbiamo visto, per l'ennesima volta, l'ampio divario che esiste tra il ricco e il povero, una forbice che continua ad allargarsi creando in tutto il mondo disuguaglianze sociali sempre più nette.

Girare la cartolina e vedere cosa c'è scritto dietro è l'essenza del nostro viaggio.

 

NOTIZIA IMPORTANTISSIMA: abbiamo mangiato dei mandarini buonissimi presi all'angolo di un incrocio dalla motoretta di un vecchietto.

vuoi contribuire al nostro viaggio?